28 febbraio 2014

La penso così………………………………

La mancanza in Commissione Territorio e Ambiente, mercoledì mattina, degli esponenti del Partito Democratico non ha permesso di licenziare il disegno di legge alle Camere presentato da Ezio Chiesa al fine  di reintrodurre la norma troppo frettolosamente soppressa dell’articolo 148 del decreto legislativo 3 aprile 2006,n. 156 che prevedeva l’adesione alla gestione unica del servizio idrico integrato facoltativa per i comuni con popolazione fino a 1000 abitanti inclusi nel territorio delle comunità montane. La proposta di Chiesa consente la reintroduzione della norma ampliandola ai Comuni con popolazione fino a 3000 abitanti. Il provvedimento, se fatto proprio dalle Camere,può essere propedeutico alla  legge sulla riforma degli Ato, recentemente approvata dalla Regione Liguria. Nella legge,infatti, Chiesa ha fatto inserire l’emendamento  che prevede l’adesione alla gestione unica del servizio idrico integrato facoltativa per i Comuni con popolazione fino a 3000 residenti inclusi nel territorio delle ex  Comunità Montane. La mancanza dei commissari targati Pd durante la riunione di mercoledì ha finito per fare slittare l’approvazione del provvedimento da parte della Commissione di una settimana. Ora non resta che sperare nella presenza degli esponenti del Pd,a parole paladini dell’acqua pubblica,sarebbe un vero peccato che a sostenere il disegno di legge alla Camere fossero solo i consiglieri  degli altri partiti e dell’opposizione.

                                                                   Il Provinciale

 

Chiesa: “No all’ulteriore chiusura di sportelli da parte di Poste Italiane”

Chiesa: “No all’ulteriore chiusura di sportelli da parte di Poste Italiane”

Il  consigliere regionale Ezio Chiesa (Liguria Viva) ha presentato oggi una interrogazione urgente al presidente della giunta al fine di sollecitare iniziative nei confronti di Poste Italiane  affinché non siano chiusi ulteriori uffici postali e nel contempo sia garantito il personale in misura sufficiente ad assicurare il servizio.

Chiesa ricorda come,  con sempre maggiore frequenza,Poste Italiane annuncia la chiusura di uffici postali in modo particolare riguardanti le località dell’entroterra.

“Gli uffici postali nei piccoli Comuni rappresentano storicamente un presidio importante sul territorio che deve essere salvaguardato e difeso – afferma Chiesa – inoltre negli ultimi anni Poste Italiane ha sollecitato la clientela ad utilizzare i servizi bancari che venivano proposti, convincendo molte persone residenti a trasferire il conto corrente bancario presso le poste”.

Gli uffici periferici sono già penalizzati dalla cronica carenza di personale,spesso un solo operatore è chiamato ad eseguire servizi postali,servizi bancari e procedere con il pagamento delle pensioni con conseguenti lunghe code.

Aggravio destinato ad accrescere  negli uffici postali limitrofi a quelli che sembra saranno chiusi.

“Ulteriori drastici ridimensionamenti da parte di Poste Italiane – conclude Chiesa – che finiscono per penalizzare la popolazione residente non possono essere tollerati”.

Genova,28 febbraio 2014

Ezio Chiesa (Liguria Viva) su Entella Tv

Questa sera, venerdì 28 febbraio, Ezio Chiesa (Liguria Viva) alle 20.00 circa su Entella Tv. Si parla di Piano faunistico venatorio provinciale, acqua pubblica, danni causati dall’alluvione. In replica sempre questa sera alle 22.30/23 circa e domani, sabato, alle 13.00

Regione: le nomine per la Fondazione Ansaldo

Stamane alle 10.00 prevista la I^ Commissione Affari Generali che dovrà affrontare la discussionme sulle nomine di competenza della Fondazione Ansaldo. Clicca qui e leggi l’odg dei lavori: 1^ Commissione del 28 febbraio

Regione: i lavori della VI^ Commissione

Stamane con inizio alle ore 10.00 sono fissati i lavori della IV^ Commissione Territorio e Ambiente. Clicca a fianco e leggi l’ordine del giorno:VI^ Commissione del 26 febbraio. In discussione anche la proposta di legge alle Camere riguardante il servizio idrico integrato presentata da Ezio Chiesa (Liguria Viva) che puoi leggere cliccando qui: P.D.D. 105 Chiesa

Chiesa: “Acqua pubblica, i sindaci devono scegliere se indossare la maglietta a difesa dei cittadini o quella a sostegno delle società partecipate”

 

Chiesa: “Acqua pubblica, i sindaci devono scegliere se indossare la maglietta a difesa dei cittadini o quella a sostegno delle società partecipate”

“La facoltà  per i Comuni già appartenenti alle Comunità Montane di gestire l’intero ciclo integrato delle acque e solo il primo passo  per dare piena attuazione al referendum del 2011”.

Il consigliere regionale Ezio Chiesa (Liguria Viva) in occasione della discussione in aula del disegno di legge relativo le norme in materia di individuazione degli ambiti ottimali per l’esercizio delle funzioni relative al servizio idrico integrato e alla gestione integrata dei rifiuti ha presentato una serie  emendamenti molti dei quali sono stati accolti.

 “L’esito referendario del 2011 interviene pesantemente sul calcolo delle tariffe – afferma Chiesa -  impone al legislatore di intraprendere una serie di iniziative al fine di assicurare la gestione pubblica del servizio idrico, percorso ancora lontano dal potersi definire concluso anche  dopo l’approvazione della legge sull’Ato”.

Purtroppo in tutti questi anni il legislatore nazionale e quello regionale nell’assumere provvedimenti sono stati spesso condizionati dalle forti lobby che operano nel settore  della gestione dell’acqua,ma l’aspetto decisamente più grave riguarda il fatto che in molti casi si tratta di lobby di aziende partecipate dagli enti locali.

La battaglia a favore dell’acqua pubblica e tariffe sostenibili è appena cominciata – conclude Chiesa – i sindaci devono scegliere se indossare la maglietta a difesa dei cittadini o quella a sostegno delle società partecipate”.

 Genova,20 febbraio 2014

Regione: il Gruppo Misto – Liguria Viva ha presentato il bilancio 2013

Il Gruppo Misto – Liguria Viva venerdì 14 febbraio ha presentato presso l’ufficio di presidenza della Regione Liguria (clicca qui e leggi la lettera presentazione bilancio) il bilancio per l’esercizio 2013 che tutti possono leggere cliccando a fianco:Bilancio 2013 Gruppo Misto – Liguria Viva

Regione: si parla del recupero dei “sottotetti”

La VI^ Commissione Territorio e Ambiente convocata per oggi pomeriggio presenta all’ordine del giorno due importanti provvedimenti relativi al recupero ai fini abitativi dei sottotetti e l’approvazione dello stralcio  al Piano Territoriale della Costa che riguarda il cantiere navale di Albenga e il porto turistico di Pegli. Clicca qui e leggi l’ordine del giorno:VI^ Territorio e Ambiente del 19 febbraio