30 maggio 2014

La penso cosi……………………….

Spiace dirlo ma, escluso qualche sporadico caso, le problematiche riguardanti l’acqua pubblica non sono mai entrate nel dibattito che ha accompagnato le elezioni europee e amministrative.  Il vento referendario del 2011 sembra decisamente scemato. Eppure a differenza di quei politici e amministratori che continuano a sottovalutare l’argomento si tratta di uno dei temi che maggiormente interessa la popolazione e in modo particolare quanti abitano nell’entroterra. I nuovi sindaci per quanto riguarda la Liguria sono chiamati a decidere se vogliono gestire o meno l’acqua. Nonostante il Governo abbia impugnato davanti alla Corte Costituzionale la legge emanata dalla Liguria della riforma dell’Ato che permette ai Comuni montani con meno di 3000 abitanti la gestione del ciclo integrato delle acqua, il provvedimento è tuttora efficiente. Alla Regione il compito di fare la sua parte difendendo la legge  di fronte alla Corte Costituzionale ,ai sindaci il dovere di vare la propria ascoltando le richieste della gente.

                                                       Il Provinciale

 

Chiesa: “Elezioni di Rapallo, Costa deve fare l’apparentamento con Capurro”

Chiesa: “Elezioni di Rapallo, Costa deve fare l’apparentamento con Capurro”

Il consigliere regionale Ezio Chiesa (Liguria Viva) nel corso di una conferenza stampa svoltasi stamane a Rapallo ha assicurato l’appoggio del movimento Liguria Viva nei confronti del candidato sindaco Armando Ezio Capurro.

“Al primo turno avevo preferito non presentarmi con il simbolo di Liguria Viva – afferma Chiesa – in quanto non c’erano le condizioni politiche vista la frammentazione  presente all’interno del centrosinistra”.

Chiesa ha sottolineato come a Rapallo la possibilità di vittoria per Capurro passa attraverso le larghe intese delle forze del centrosinistra.

Ora la situazione è completamente diversa in quanto il centrosinistra è rappresentato da Capurro quindi non ho dubbi  da quale parte stare,lo stesso deve essere per gli elettori di Renzi,del Pd e delle forze di centrosinistra.

 “Sostengo con convinzione Capurro – continua Chiesa – in quanto ha il profilo giusto per amministrare una città difficile  come Rapallo”.

Chiesa ricorda come,molto spesso,sono i politici “irruenti” quali Capurro   a raccogliere i maggiori consensi,vedi il caso del presidente del consiglio Matteo Renzi.

“L’elettorato che in massa ha votato Pd alle europee può oggi votare Capurro – continua Chiesa – le elezioni di Rapallo sono tutt’altro che decise, a leggere bene i risultati si può ben comprendere  come  Capurro può diventare sindaco”.

 Le varie forze del centrosinistra  a Rapallo non sono mai state così forti come in queste elezioni devono ora votare compatte a cominciare dagli elettori di Rifondazione Comunista e del Partito Comunista Italiano.

“Invito inoltre Giorgio Costa e le sue liste a fare l’apparentamento – continua Chiesa – con il candidato sindaco Capurro e con le altre forze di centrosinistra”.

Se tutto il Partito Democratico ci crede a Rapallo è possibile conquistare il Comune portando finalmente a vincere Capurro e i moderati.

“Dico a Costa che bisogna lasciare alle spalle il passato e le questioni personali – conclude Chiesa – ora è giunto il momento di fare l’accordo politico con Capurro”.

Chiesa ha ricordato come la candidatura di Capurro non ha assolutamente  penalizzato il Pd in quanto rispetto alle ultime elezioni amministrative il partito è cresciuto.

“Quello che non è scattato al primo turno per gli elettori del centrosinistra – conclude Chiesa – può scattare adesso con l’opportunità di votare Capurro per conquistare finalmente il Comune”.

 Genova,29 maggio 2014

                                                                   

 

Domani conferenza stampa di Ezio Chiesa a Rapallo

                                                                                                         

CONFERENZA STAMPA

Elezioni amministrative di Rapallo

           GIOVEDI’ 29 MAGGIO ORE 10.30 

Caffe’ Centrale

(Piazza Cavour – Rapallo)

Sarà presente il consigliere regionale Ezio Chiesa presidente

del Gruppo Consiliare Misto – Liguria Viva

Genova, 28 maggio 2014

Oggi in programma il consiglio regionale

E’ fissato per oggi, con prosecuzione nella giornata di domani, il consiglio regionale che prevede all’ordine del giorno numerose interrogazioni dei vari consiglieri. Tra queste, alcune presentate da Ezio Chiesa (Liguria Viva). Clicca a fianco e leggi l’ordine del giorno completo dei lavori.Consiglio regionale del 28 maggio

Regione: riprendo i lavori con la convocazione della III^ Commissione

Concluse le elezioni europee riprendono i lavori delle Commissioni regionali in vista del consiglio fissato per domani. Stamane riunione della III^ Salute e Sicurezza. Clicca a fianco e leggi l’ordine del giorno dei lavori:Commissione III del 27 maggio

La penso così………………….

Quanto accaduto in Carige è difficile da comprendere per la gente comune. Tanto per intenderci quelle stesse persone che per aprire un conto corrente,quindi portare soldi alle banche,devono mettere decine di firme per poi prendere atto ogni volta che controllano l’estratto conto che gli interessi sono pressoché nulli mentre le spese continuano a lievitare. Non parliamo poi di quanti chiedo di poter contrarre un mutuo. L’impresa diventa ardua,bisogna dimostrare una certa liquidità ed essere accompagnati dal garante e,ancora meglio,dal garante del garante. Questo,dicevamo,quanto accade alle persone normali. Eppure leggendo oggi le pagine dei pochi quotidiani in edicola apprendiamo che sarebbero state compiute da Berneschi & C. operazioni spregiudicate per l’importo di svariati milioni di euro. Ma non controllava nessuno? Si domandano i cittadini. Un’altra domanda sorge spontanea,i quotidiani locali che giustamente con grande attenzioni seguono l’attività dei politici e informano i lettori di quanto avviene nelle segrete stanze del potere,che poi potere non è,come mai in questi anni non hanno seguito con analoga pervicacia quanto accadeva in Carige? Sarà mica che il vero potere non è quello politico,bensì quello finanziario dove persino la stampa libera usa molta prudenza.

                                                          Il Provinciale

 

Chiesa: “Giardino botanico del Passo del Bocco impera il degrado, l’ente Parco deve intervenire”

 Chiesa: “Giardino botanico del Passo del Bocco impera il degrado, l’ente Parco deve intervenire”

Il consigliere regionale Ezio Chiesa (Liguria Viva) ha presentato stamane una interrogazione al presidente della giunta per chiedere quali iniziative intende intraprendere nei confronti dell’Ente Parco Aveto affinché  sia assicurata l’adeguata e corretta manutenzione del giardino botanico del Passo del Bocco perseguendo così quegli obiettivi di promozione delle comunità più svantaggiate  attraverso l’estensione dell’offerta turistica nel territorio che la Regione Liguria si è preposta.       

Grazie al programma attuativo regionale dei fondi Fas che prevedeva il progetto integrato del sistema regionale dei parchi e dell’Alta Via dei Monti Liguri sono state realizzate,tra l’altro, strutture didattiche all’aperto quali il giardino botanico del Passo del Bocco.

“L’ente Parco Aveto ha creato il giardino botanico “Federico Delpino” – afferma Chiesa –  che ospita una ricostruzione in piccole aiuole delle diverse coperture boschive che caratterizzano il nostro entroterra”.

La fruizione del giardino rappresenta per turisti e ospiti del vicino Rifugio del Parco “Antonio Devoto” una piacevole opportunità per una tranquilla passeggiata nel verde garantendo nel contempo la possibilità di conoscere elementi botanici,e non solo,degli habitat tipici dell’Appennino Ligure,riscoprendo alcuni aspetti fitogeografici ed ecologici del Parco e evidenziando le relazioni tra le specie e le comunità vegetali e i diversi fattori ambientali.

“A seguito di un sopralluogo effettuato nei giorni scorsi ho avuto modo di constatare la situazione di grave degrado e pericolo in cui versa il giardino botanico – conclude Chiesa – bisogna pertanto intervenire evitando che si ripeta quanto accaduto nella miniera di Gambatesa”.

Genova,22 maggio 2014

 

 

Chiesa: “Spending review, Facciamo il punto sul lavoro svolto dai direttori generali della Asl liguri”

Chiesa: “Spending review, Facciamo il punto sul lavoro svolto dai direttori generali della Asl liguri”

Il consigliere regionale Ezio Chiesa (Liguria Viva) ha presentato stamane un interrogazione al presente della giunta per fare il punto sul lavoro svolto dai direttori delle Asl liguri da quando,nell’agosto del 2012,hanno ricevuto l’incarico di procedere alla spending review nell’attesa che il Consiglio Regionale approvasse il riordino del sistema sanitario regionale.

“Nel mese di agosto del 2012 prima la giunta e poi il Consiglio Regionale approvavano norme riguardanti i compiti urgenti per i direttori generali della Asl e delle aziende ospedaliere – afferma Chiesa –  chiamati a predisporre piani straordinari per l’attuazione del decreto sulla riduzione della spesa e per l’organizzazione dei servizi”.

L’assessore regionale competente motivava tale provvedimento con l’esigenza di ottenere l’immediata riduzione dei costi per migliorare i conti della sanità con l’obiettivo di evitare o ridurre il più possibile nuove tasse in attesa del riordino del sistema sanitario regionale.

“L’elenco delle cose da fare era lungo – conclude Chiesa – credo giusto e corretto sapere se tutti i direttori delle Asl hanno adempiuto ai loro compiti”.

Genova,21 maggio 2014