30 settembre 2014

Chiesa: “Frequenze televisive, elevati i contributi fissati dal Ministero”

Contributi annuali per l’utilizzo delle frequenze nelle bande televisive terrestri:  approvato all’unanimità dal Consiglio Regionale l’ordine del giorno presentato da Chiesa 

Chiesa: “Troppo elevati i contributi fissati dal Ministero”

Il consigliere regionale Ezio Chiesa (Liguria Viva) ha presentato stamane in aula un ordine del giorno,approvato all’unanimità,teso ad impegnare il presidente Claudio Burlando ad attivarsi nei confronti del Governo e del Parlamento affinché gli importi stabiliti  dal Ministero dello Sviluppo Economico nei confronti delle emittenti private  circa i contributi annuali da pagare per l’utilizzo delle bande televisive siano rivisti con cifre congrue pari a quelle attualmente corrisposte dalle televisioni locali. 

“Nei mesi scorsi, infatti, il Ministero dello Sviluppo Economico ha predisposto uno schema di provvedimento recante i criteri per la fissazione dei contributi annuali per l’utilizzo delle bande televisive terrestri assolutamente insostenibili per l’intero comparto – spiega Chiesa –  con l’inevitabile conseguenza che nessun operatore di rete locale, sia a carattere regionale, sia a carattere provinciale, sarebbe in grado di proseguire la propria attività”.

Questo  comporterebbe il rischio di una ulteriore perdita di posti di lavoro nella nostra regione e il venire meno della pluralità nell’informazione.

“Attualmente nel contesto analogico – prosegue Chiesa – i titolari di concessione per la radiodiffusione televisiva pubblica erano tenuti al pagamento di un canone annuo pari all’uno per cento  del fatturato, con il limite massimo di euro  17.776 per le imprese televisive locali”.

L’incremento degli importi indicati dal Ministero è particolarmente rilevante in molte regioni tra le quali la Liguria,a tali cifre inoltre devono essere aggiunti  i contributi per diritti amministrativi che su un territorio avente fino a 200 mila abitanti ammontano a 27.750 euro  per passare a 55.000 mila su un territorio fino a 10 milioni di abitanti.

“I criteri fissati dal Ministero non rispondono a principi di ragionevolezza, proporzionalità e non discriminazione e sono contrari ad ogni logica di pluralismo – conclude Chiesa – l’eventuale applicazione degli stessi sarebbe insostenibile per la totalità degli operatori di rete locali,  per questo la Regione deve intervenire”.

Genova, 30 settembre 2014

Regione: martedì’ dedicato al Consiglio Regionale

E’ fissato per stamani alle ore 10 l’inizio del consiglio regionale che dovrebbe protrarsi per l’intera giornata al fine di dibattere i numerosi argomenti iscritti all’ordine del giorno che puoi leggere cliccando a fianco:Consiglio Regionale martedì 30 settembre

Chiesa: “Città Metropolitana, lista Comuni e Comunità un successo”

 Chiesa : “Città Metropolitana, Comuni e Comunità elegge tre consiglieri in rappresentanza dei territori”

 “Tre consiglieri metropolitani eletti, il primo Giovanni Collorado sindaco di Castiglione Chiavarese (voti 4051) in rappresentanza del Tigullio e dell’entroterra, il secondo Franco Senarega consigliere comunale di Recco (voti 2579) esponente del Golfo Paradiso e infine Alfonso Gioia (voti 2495) in rappresentanza di Genova, dimostrano quanto la scelta di dare vita alla lista Comuni e Comunità sia stata azzeccata e condivisa dai sindaci e consiglieri della Provincia di Genova che si sono recati a votare”.

Il consigliere regionale Ezio Chiesa promotore insieme al collega Armando Ezio Capurro della lista è soddisfatto del risultato raggiunto forse andato oltre le più rosee aspettative.

“Il tentativo di dissuasione a non votare i candidati delle liste che non hanno voluto aderire al cosiddetto <listone> di Costituente per la Città Metropolitana da parte degli esponenti dei principali partiti, in testa Pd e Forza Italia, è stato forte – afferma Chiesa – nonostante questo abbiamo ottenuto un ottimo risultato a dimostrazione che la volontà di voler <blindare> le scelte calate dall’alto è fallito”.

Gli elettori indipendentemente che a votare siano i cittadini o gli amministratori comunali vogliono ragionare con la propria testa,lo dimostra il successo personale di Collorado  un sindaco amato e ben voluto da tutti.

“Tutti i dieci candidati della lista Comuni e Comunità hanno ottenuto preferenze a riprova di come l’adesione al programma che mette al centro trasparenza e partecipazione è stata convinta e sentita – continua  Chiesa – meritano un sentito ringraziamento per la disponibilità dimostrata”.

Oltre i tre eletti hanno ottenuto un buon successo personale: Giovanni Giardini consigliere comunale di Chiavari, Claudio Marsano consigliere comunale di Santa Margherita e Gerolamo Valle consigliere comunale di Arenzano.

“I consiglieri eletti insieme al sindaco metropolitano Marco Doria hanno ora il compito di predisporre lo statuto del nuovo ente entro la fine dell’anno – conclude Chiesa – i consiglieri di Comuni e Comunità intendo battersi  affinché le norme garantiscano  la massima trasparenza degli atti  e la partecipazione all’attività dell’ente da parte dei cittadini e di tutti i Comuni che ne fanno parte”.

 

Regione: oggi record di Commissioni

Sono ben quattro, due al mattino e due al pomeriggio, le Commissioni convocate in data odierna. Si parte alle 10 con la III^ Salute e Sicurezza, clicca a fianco e leggi l’ordine del giorno:III^ Salute e Sicurezza 29 settembre. Si prosegue in mattinata con la I^ e la III^ congiunta, clissa sempre a fianco per vedere gli argomenti:III E I Salue e Affari del 29 settembre. Nel pomeriggio è la volta della IV Attività Produttive, ecco gli argomnti trattati:IV Attività Produttive del 29 settembre. A chiudere la giornata la IV^ e la VI^ congiunte per discutere il seguente ordine del giorno:IV E VI Attività Produttive e Territorio del 29 sett.

La penso cosi……….Derby metropolitano

Domenica a Genova, a neppure un chilometro di distanza, si giocano due derby. Il primo, Genoa – Sampdoria, èi una consolidata consuetudine che ormai da diversi anni si svolge due volte all’anno. Il secondo derby riguarda invece l’elezione del consiglio della Città Metropolitana dove a scendere in campo sono ben tre formazioni. Va da se che l’interesse della gente e dei mass media rivolge le maggiori attenzioni al primo derby. Attese grandi scenografie e soprattutto la vivacità dei protagonisti, in primo luogo presidenti e allenatori, non certo parchi nel rilasciare dichiarazioni. Il secondo invece si gioca “sotto traccia” con i vari candidati alla ricerca del consenso per riuscire a conquistare uno dei diciotto posti in lizza. Difficilmente Marco Doria riuscirà a trasformarsi in “er viperetta” ed aspettarsi da Roberto Levaggi i guizzi di Preziosi we pressochè impossibile. Certo i falli non mancheranno ne sul campo di Marassi ne all’interno della sala degli Arazzi di Palazzo Doria Spinola dove i grandi elettori metropolitani si recheranno a votare. I primi saranno più vistosi ed accompagnati dalle urla dei tifosi, i secondi , felpati, come si addice alla politica, ma destinati forse a fare ancora più male.  Non c’è storia, il derby calcistico finirà per surclassare il derby politico. In entrambi i casi resta una speranza, indipendemente dal risultato che a vincere siano i genovesi e quanti abitano nei comuni della Città Metropolitana.

                                                                Il provinciale

 

Regione: La Rete escursionistica approda nella VI^ Commissione

Oggi pomeriggio alle 15.00 è convocata la VI^ Commissione Territorio e Ambiente chiamata a discutere il disegno di legge relativo la Rete escursionista della Liguria. Previste una serie di audizioni delle associazioni interessate.

Regione: oggi tocca alla Commissione Affari Generali

E’ convocata per oggi pomeriggio la I^ Commissioni Affari Generali con all’ordine del giorno gli argomenti che puoi conoscere cliccando qui a fianco:I^ Commissione del 24 settembre

Chiesa: “Crisi lavoratori edili, introdurre un albo delle aziende virtuose”

Chiesa: “Crisi lavoratori edili, introdurre un albo delle aziende virtuose” 

Chiesa: “Alle aziende liguri il lavoro nei cantieri della nostra regione”

Il consigliere Ezio Chiesa (Liguria Viva) è intervenuto oggi in aula durante l’incontro con il lavoratori delle aziende edili in crisi che sono stati ricevuti in consiglio regionale.

Chiesa ha ricordato come ci troviamo di fronte ad una categoria dell’industria dove, per contratto, quando il cantiere viene chiuso le maestranze possono essere licenziate.

“Nonostante per le categoria degli edili non venga applicato l’articolo 18 – afferma Chiesa – le assunzioni non aumentano, anzi i posti di lavoro diminuiscono”.

Chiesa ha evidenziato come il poco lavoro presente, molto spesso, finisce per essere distribuito in modo scorretto, vedi il fatto che un’azienda senza dipendenti può vincere un appalto.

Situazione che finisce per mettere in difficoltà le aziende serie costrette a licenziare in quanto subiscono una concorrenza sleale.

“Bisogna introdurre un album nazionale delle imprese virtuose – afferma Chiesa -  che hanno i dipendenti assunti, che rispettano la sicurezza e versano la cassa edile e pertanto devono essere tutelate”.

I pochi vantaggi dei lavoratori edili arrivano dalla cassa edile e dai comitati paritetici,l’introduzione dell’albo delle imprese virtuose può consentire alle maestranze di evitare il rincorrere nelle varie aziende per farsi assumere.

Chiesa ha infine ricordato chela Regione Liguriadeve attivarsi, anche attraverso delle forzature, per introdurre delle norme affinché sui cantieri operanti nella nostra regione siano assunti i lavoratori della Liguria.

Genova, 23 settembre 2014